• home
  • news
  • quali sono i diversi tipi di cheratosi?

Quali sono i diversi tipi di cheratosi?

Il termine “cheratosi” include una serie di condizioni mediche benigne caratterizzate da una crescita anomala dello strato corneo della pelle.

5 August 2019

Il termine “cheratosi” include una serie di condizioni mediche benigne caratterizzate da una crescita anomala dello strato corneo della pelle. Lo strato corneo è lo strato più superficiale dell’epidermide, costituito da cellule morte appiattite; ha una funzione primaria di barriera.

In presenza di cheratosi, appaiono ispessimenti cornei, spesso ruvidi e dalla colorazione diversa dalla pelle circostante.

A seconda dei fattori scatenanti e dell’aspetto della cheratosi, si possono distinguere:

  • La cheratosi attinica: è causata dall’eccessiva esposizione alla luce del sole, e per questo appare più comunemente su dorso delle mani, volto, cuoio cappelluto. Sono soggetti a rischio le persone con pelle e occhi chiari, che passano molto tempo all’aria aperta (ad esempio per lavoro), anziani, che hanno una storia pregressa di scottature importanti e ripetute. La cheratosi attinica può evolvere in tumore della pelle.
  • La cheratosi seborroica: è caratterizzata da ispessimenti cornei simili a verruche, indolori ma a volte pruriginosi; i meccanismi che ne causano la comparsa non sono ancora ben noti, ma di solito compare intorno ai 40 anni e mostra una certa familiarità. Questa forma di cheratosi in genere non richiede alcun tipo di trattamento, salvo che per ragioni estetiche o legate al disagio che prova chi ne è affetto.
  • La cheratosi pilare: è un disturbo cutaneo caratterizzato dall’accumulo di cheratina nei follicoli piliferi. Anche in questo caso le cause non sono ben note, anche se è più comune nei soggetti con la pelle molto secca e tendenzialmente atopica; mostra inoltre familiarità. Generalmente questo disturbo peggiora in inverno e migliora in estate. Si manifesta con papule puntiformi che danno alla pelle un aspetto ruvido. Può essere trattata con l’utilizzo di lozioni e creme idratanti, anche se possono essere necessari diversi mesi per un miglioramento visibile.